Le 5 serie TV che ogni bravo nerd dovrebbe vedere

May 12, 2017

[:it]“Come facevo a vivere senza le serie TV sempre disponibili?”... Domanda gettonatissima negli ultimi anni.

Dai ragazzi, in un modo o nell’altro tutti sappiamo come guardare ore filate di entusiasmanti serie tv. Che di “TV” in senso stretto non hanno più molto, visto che ormai le guardiamo al caldo dei nostri letti con pc in grembo e rigoroso carica batteria inforcato nella presa della corrente. Vai di cuffiette, porte chiuse e “Do Not Enter”.
Questo rigido isolamento, degno dei migliori eremiti, puzza un pò di dipendenza, ma l’importante è che sia di qualità!
Se anche tu sei nel folto team “Serie tv, anche con occhiaie blu”, voglio farti un regalo: ecco la lista delle 5 serie televisive che i migliori nerd non possono lasciarsi scappare.

(Niente spoiler, tranquilli)

 

1)MR. ROBOT / drammatico-thriller / USA, 2015
Se vi siete mai chiesti come avviene un attacco informatico e quali potrebbero essere i rischi e le conseguenze, Mr. Robot è perfetta. La serie dedicata alla cultura hacking ne riflette molti aspetti con attenzione, tagliando fuori le solite rappresentazioni clichè.
Niente fantascienza quindi, ma pura realtà spesso cruda e criptica, proprio come il protagonista, Elliot, ingegnere informatico dalla doppia identità: impiegato di giorno, serial hacker e giustiziere la notte.
Elliot, sociopatico e dipendente dalla morfina riesce a dare un senso alle sue straordinarie doti informatiche solo dopo l’incontro con il misterioso Mr. Robot, leader anarchico a capo di un gruppo segreto di hacker.
Donne, attente perchè lo sguardo di Rami Malek (Elliot) vi incollerà allo schermo.

 

 

2) BLACK MIRROR / Dramma, Fantascienza, Satira, Thriller, Fantasy / UK, 2011
Certamente è una delle serie più chiacchierate degli ultimi anni.
Innanzitutto partiamo dal titolo, “Specchio Nero”, due parole che ci traghettano in un ambiente rappresentato in termini oscuri, a volte agghiaccianti; è la tecnologia quello specchio nero che riflette l’umanità.
I toni sono spesso spietati e critici, soprattutto nei riguardi della tv spazzatura, dei talent show e di tutti quei fenomeni che si sono imposti nella società digitale d’occidente.
Le puntate sono varie e scollegate tra di loro, ognuna di esse racconta con cinismo e crudele realtà tutto ciò che la tecnologia può distruggere nella vita di un essere umano.
E’ una serie da vedere perchè, nonostante ci mostri aspetti molto estremizzati capaci di inquietare fino nel profondo, propone al contempo spunti davvero attuali su cui riflettere, prima che sia troppo tardi.

 

 

3) WESTWORLD / drammatico, fantascienza, thriller, azione, avventura, western / USA, 2016
Per coloro che si chiedono cosa succederebbe se andassimo in vacanza in un posto pieno di androidi costruiti appositamente, si gusti questa serie!
Due recentissime stagioni ci raccontano di un parco divertimenti avveniristico, a tema western, chiamato Westworld e popolato da robot creati con sembianze perfettamente umane e software che equilibrano comportamenti ed emozioni. Lo scopo di questo luogo è quello di soddisfare le fantasie più oscure di coloro che pagano per entrarci. Non ci sono regole.
Fino a che questi robot-umani sono al servizio dell’uomo va tutto bene, ma cosa succede se la loro coscienza artificiale si risveglia e capiscono che tutta la loro vita è una finzione?
La ribellione e lo scontro tra umani e robot pare l’unica strada. E ancora una volta: non ci sono regole.

 

 

4) SILICON VALLEY / Comedy / USA, 2014
Il titolo di questa serie è già una bandierina che sventola per indicarci l’argomento principe: il mondo della tecnologia e dell’informatica. Ma lasciate pure a casa la serietà perché il tono che caratterizza ogni puntata volge decisamente all’ironia.
Durante le quattro stagioni già uscite, si disegnano le storie di un gruppo di sviluppatori riuniti in una casa, messa a disposizione da Erlich Bachman, un arrogante e presuntuoso programmatore, in cambio del 10% dei loro lavori.
Questa piccola start up unisce cinque coinquilini nerd dai caratteri ben definiti, con molte delle sfumature stereotipate di un bravo smanettone, ma mai banali.
La storia si snoda attorno a Richard e all’app dalle grandi potenzialità che crea, Pied Piper.
Tra una puntata e l’altra ci inoltriamo sempre più nel mondo miliardario delle aziende informatiche, con contratti pieni di clausole, cartoni del take away sparsi tra i fili, personaggi folli ed eccentrici e moltissimi riferimenti a videogiochi e cultura pop.
Nonostante il tono sia costantemente scanzonato, ciò che traspare con molta evidenza è la passione che anima il lavoro dei giovani startupper, giusto per ricordarci che non esistono solo i soldi.

 

 

5) SENSE8 / Fantascienza, Dramma, Azione / USA, 2015
Questa serie televisiva è uno degli ultimi lavori dei fratelli Wachowski, autori di Matrix.
E’ un intreccio colorato di otto vite, provenienti da parti diverse del mondo. Otto persone accomunate solo dal giorno della loro nascita e da un passato difficile.
L’intreccio è molto profondo, più una fusione dal momento che si ritrovano d’improvviso collegati telepaticamente. In questo modo riescono a condividere non solo i pensieri, ma anche la cultura, il sapere, la lingua e le emozioni.
Non ricorda anche a voi una metafora del nostro mondo sempre più social e interconnesso?
Guardare per scoprire![:]